Cronaca

"Nel Salento 728 alloggi occupati abusivamente", il deputato Donno sollecita Comuni e Prefetto

sabato 28 settembre 2019
Il parlamentare prosegue nella battaglia: "Un'emergenza che nel Salento si traduce in malcontento, ingiustizia sociale e terreno fertile per fenomeni legati alla malavita organizzata".

Ad oggi gli alloggi popolari occupati abusivamente in provincia di Lecce sono 405 e si aggiungono ai 323 sui quali pendono altrettanti procedimenti di decadenza. “In totale- spiega il deputato Cinque Stelle Leonardo Donno che ha fatto richiesta di accesso agli atti ad Arca Sud - sono ben 728 gli alloggi attualmente abitati da chi non ne ha alcun diritto”.

“Al primo posto c'è Nardò, con 58 alloggi occupati abusivamente. Seconda è Lecce, con 56. Al terzo posto c'è Casarano, con 30 case popolari occupate senza titolo alcuno – spiega il deputato salentino che ad agosto aveva presentato un'interrogazione all'allora ministro dell'Interno Matteo Salvini (senza ottenere alcuna risposta) e contestualmente aveva inviato una lettera ai sindaci di quasi sessanta comuni salentini. “In questi ultimi, stando alle carte, erano risultati in pendenza ben 323 casi di decadenza dal diritto di assegnazione di un alloggio popolare. Dunque erano emersi ben 323 sgomberi ancora al palo. Questo numero, sommato ai dati recepiti in estate, adesso rincara la dose in chiave emergenza.

«Ho appreso come finalmente il prefetto abbia deciso di rivolgersi alle Forze dell'ordine per accelerare sul fronte legalità -commenta Donno- di tempo ne è stato perso già abbastanza. Certo, non posso nascondere il mio personale rammarico per quel principio di collaborazione interistituzionale che avrei auspicato e che, di fatto, si è limitato a comunicazioni stringenti e telegrafiche, quasi fossero solo un atto dovuto. Al netto di questo, gioisco per un primo timido risultato. Bisogna andare avanti. Sto già procedendo ad integrare, con i numeri appena acquisiti, l'interrogazione presentata in estate al Ministero degli Interni. Sto già redigendo altre missive da inviare ai Comuni interessati dall'emergenza. La domanda di alloggi pubblici è già inferiore alle disponibilità e le occupazioni acuiscono ancor più il problema. Ad ogni singolo primo cittadino ho chiesto di fare la propria parte, coltivando insieme un unico obiettivo: ripristinare la legalità, garantendo un'abitazione agli aventi diritto. Intendo proseguire su questa strada, chiedendo alla Prefettura un intervento urgente. Sperando, questa volta, di ricevere in cambio un "segnale"». Donno rimanda alla legge 48 del 2017 e alla circolare del ministero dell'Interno del settembre 2018 quali cornice di un'azione più incisiva con la cabina di regia delle Prefetture attraverso l'istituzione di un comitato per la sicurezza per organizzare gli sgomberi.
«Quando si viene a conoscenza di un fenomeno che può rappresentare terreno fertile per fenomeni illegali, è nostro dovere andare avanti -conclude Donno- i Comuni devono riservare maggiore attenzione e celerità di intervento su questioni scottanti come questa. Abbiamo i mezzi per combattere la mafia ma non sappiamo usarli - conclude il deputato - su questo continuerò a garantire massimo impegno in prima linea».

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
17/10/2019
Nel mirino il negozio Punto Pi: il rapinatore è fuggito a piedi con 200 euro Un ...
Cronaca
15/10/2019
L'uomo è stato inidbiduato dai carabinieri dopo alcuni mesi di ...
Cronaca
15/10/2019
Controlli a tappeto da parte dei carabinieri di Casarano ...
Cronaca
13/10/2019
Approvato il progetto esecutivo con un intervento ...
Il bambino con disturbi dello spettro autistico non comunica, non guarda negli occhi: dà tutta una serie di ...