Salute Sette

Bambini in fase oppositiva: gli sculaccioni non servono

martedì 3 luglio 2018
Ecco tutto quello che bosogna sapere sulla fase oppositiva del bambino. Il parere dell'esperto, la dottoressa Patrizia Di Tonno. 

Tra i due e i tre anni il vostro bambino ha reazioni di rabbia sproporzionate, vi alza le mani, butta tutto a terra? Niente paura: è solo la fase oppositiva. Mettere la giacca, mangiare o andare a dormire: la risposta è sempre no. Ecco perché viene chiamata anche “fase del no”. Secondo gli psicologi, si tratta di un momento fondamentale della crescita di un bambino: i capricci servono a rendersi conto che il piccolo è altro rispetto alla madre e che ora è una personalità a sé stante. Dunque, questa fase è importante per lo sviluppo della personalità e un genitore deve saperla affrontare, senza negarla. Il bambino non dev’essere colpevolizzato, ma solo instradato verso una serie di regole necessarie alla sua crescita. Tra le varie definizioni che vengono date a questa particolare fase dello sviluppo ce n’è una che spiega molto bene il periodo: “Terrible two”. I terribili due perché è impossibile mangiare in un ristorante senza correre dietro al bambino, che nel frattempo può sfasciare tutto: se vi può consolare, è una fase che comincia verso i 24 mesi e si affievolisce verso i tre anni. Il bambino esplora un mondo sconosciuto: emotivamente e cognitivamente non capisce questo mondo. Il piccolo non controlla le emozioni pur provandole ed esplora i suoi limiti.

Come devono comportarsi i genitori? I consigli della pediatra
I genitori non devono impressionarsi, ma fissare delle regole con coerenza. “Io consiglio prima di tutto di fissare delle regole: qualche no da parte dei genitori è importantissimo – spiega al telefono la dottoressa Patrizia Di Tonno - Inoltre bisogna capire il no del bambino che significato può avere: se si tratta solo di un rifiuto delle regole o è paura dell’abbandono, oppure altro. Se il bambino è sereno, è solo una mancanza di regole: sui ‘no’ bisogna essere coerenti e ferrei. E’ necessario fingere di non occuparsi del bambino solo per qualche minuto: si fa capire in questo modo che non si è d’accordo con lui, spiegandoglielo. ‘Mamma e papà, adesso, non vogliono parlare con te per almeno 5 minuti’: in questo modo si dimostra di non essere d’accordo con quello che lui fa. Lo ‘sculaccione’ non serve a niente, perché a quell’età ripete esattamente le stesse cose. Meglio punirlo privandolo di un gioco, di un’attenzione, privandolo di un cartone che lui è abituato a vedere: questo è molto più efficace di uno ‘sculaccione’. Mostrare la disapprovazione senza violenza. Se si tratta di un problema, nel caso di un bambino che si procura delle lesioni e si sbatte per terra, può essere una richiesta di attenzione, il sintomo di un disagio”.

Lo sculaccione non serve: può creare disturbi comportamentali
Sculacciare il bambino sotto i due anni può provocare disturbi comportamentali qualche anno dopo, secondo i ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. Il castigo corporale non serve: spesso viene adottato da madri con i nervi a fior di pelle, ma tutti gli esperti ci dicono che non porta mai ai risultati sperati. Il bambino è ancora troppo piccolo per capire il perché della punizione. La cosa migliore è usare un no secco. E’ necessario guardare il bambino negli occhi senza sorridere e senza aria dolce: è necessario dimostrare disapprovazione. Il no detto in un certo modo fa intuire al bambino che qualcosa non va. Il temper tantrums (bizze fortissime e scatti d’ira frequenti in cui alza le mani ai genitori) dev’essere affrontato dai genitori con fermezza, controllando la comunicazione non verbale ed evitando di cedere alla violenza (papà e mamma devono dare l’esempio!). Fermatevi a guardarlo scandendo bene il no, non accarezzatelo e non mettete in atto azioni consolatorie, né bisogna promettere premi in quel frangente: quando si sarà calmato, dedicate del tempo a lui per giocare. Se non ci guarda, bisogna prenderlo per il braccio e cercare un contatto visivo. E’ necessario, dunque, cercare di dare delle regole, ma non sono utili punizioni severe. Questi scatti d’ira sono normali a quest’età. Basta solo saperli affrontare da genitori con dei no decisi, senza tradirsi con espressioni contraddittorie e senza sentirsi in colpa perché il piccolo urla e si dispera. Molto spesso i bambini mettono in atto certi comportamenti anche solo per stanchezza. Insomma, calma e sangue freddo: tutti impariamo a fare i genitori attraverso queste prove.

G.G.

 

Altri articoli di "Salute Sette"
Salute Sette
12/09/2018
Sta per essere pubblicato uno studio sugli effetti nocivi ...
Salute Sette
10/09/2018
Caggia: “La cannabis può bloccare ...
Salute Sette
13/08/2018
A Lecce la nuova tecnologia per perdere peso in maniera ...
Salute Sette
11/08/2018
Punture di zecche, cosa bisogna sapere. Negli Usa sbarcano le pericolosee "Tic Tac ...
Sta per essere pubblicato uno studio sugli effetti nocivi di alcuni interferenti endocrini presenti in cosmetici, ...